Le grotte di Santarcangelo


La nostra azienda affina il proprio Sangiovese Colli di Rimini MONS JOVIS a Santarcangelo di Romagna, in una grotta di arenaria dove temperatura e umidità sono costanti in ogni periodo dell'anno e creano i presupposti ideali per sviluppare tutte le potenzialità di questo vino.

Santarcangelo di Romagna, è un borgo medievale che sorge sul Monte Giove, e fin dall’antichità, era conosciuto per il reticolo di gallerie scavate dall’uomo nell’arenaria , tra il VI e il XV secolo. Gallerie e grotte utilizzate per la conservazione del vino e del cibo. Un sistema così diffuso durante il Medioevo da far ribattezzare il locale vino rosso “il sangue di Giove” (il “Sanguis Jovis” divenuto Sangiovese), per la sua provenienza da quel sistema di cunicoli, che gli antichi abitanti del borgo chiamavano ‘le vene del Monte Giove’.

 Il recupero delle grotte come luogo di conservazione del vino arriva grazie all’intervento de Le Rocche Malatestiane con il restauro di uno spazio ipogeo oggi strutturato per l’affinamento del vino, il Sangiovese Mons Jovis DOC Colli di Rimini.

Grotta_grande.jpg